|
|
|
|
|
|
utenti online: [44]
|
sabato 20 gennaio 2018
CHE COS'È L'OSP
STRUTTURA GESTIONALE
per Comune
per Istituzione Statale
per Istituzione non Statale
per Ordine e Grado
Scuole Serali
Scuole Carcerarie
Centri Territoriali
Accordo per l’accoglienza degli alunni stranieri
La scuola integra culture
Scopri la tua Isola, la guida alla scelta della scuola superiore del CPI
Diritto - Dovere
La scuola in cifre
Edifici Scolastici
Formaz. Ref. Scolastico
Orientamento
Qualifiche triennali IeFP
PUBBLICAZIONI
CENTRO PER L`IMPIEGO
PORTALE GIOVANI A PRATO
SERVIZI PER LA MOBILITÀ
PIN - UNIFI
RASSEGNA STAMPA
NEWSLETTER
LINK
RICERCA GEOGRAFICA DELLE SCUOLE NELLA PROVINCIA DI PRATO
clicca sulla mappa per visualizzare il dettaglio
Sei in: home   archivio primo piano   articolo in primo piano
25/02/2014 E DOPO IL DIPLOMA? LO STUDIO SUI PERCORSI DI 487 GIOVANI PRATESI A DUE ANNI DAL DIPLOMA TECNICO E PROFESSIONALE

L’ultimo report dell’Osservatorio Scolastico Provinciale sui percorsi post-diploma, prende in esame gli esiti occupazionali e la propensione a proseguire gli studi dei giovani pratesi con diploma tecnico e professionale. Firmata da Paolo Sambo (Fil), la ricerca prende in esame tutti i 487 pratesi (295 maschi e 192 femmine) che nell’anno scolastico 2010/11 hanno conseguito un diploma tecnico e professionale negli istituti superiori della Provincia di Prato: Datini (140 diplomati), Marconi (38), Istituto d`Arte (20), Dagomari (64), Keynes (62), Gramsci (60) e Buzzi (103). I diplomati tecnici e professionali rappresentano il 42% del totale dei pratesi diplomati nell’anno scolastico 2011/12 (667 sono le maturità liceali).

La ricerca è stata presentata oggi a palazzo Buonamici dalla vice presidente della Provincia Ambra Giorgi e dallo stesso Sambo, insieme alla responsabile dell`Osservatorio scolastico provinciale Francesca Baroncelli. “Uno studio messo a punto grazie a strumenti di indagine che siamo l`unica Provincia ad avere – ha esordito la vicepresidente Giorgi – Il campione che abbiamo indagato si è diplomato proprio nel periodo più acuto della crisi del distretto pratese, ma i numeri, nonostante alcune criticità, sono positivi. Di sicuro si può confemare che la scuola e il diploma pagano. Una buona fetta di questi ragazzi trova lavoro, anche stabile, e alcuni istituti come Il Dagomari, Il Marconi e Il Buzzi hanno ottime performance dal punto di vista dell`occupazione stabile e coerente con il percorso di studi”.

A DUE ANNI DALLA MATURITA’ – Attraverso l’incrocio delle banche dati dell’Osservatorio Scolastico Provinciale con gli archivi delle comunicazioni obbligatorie dei rapporti di lavoro (IDOL) e dell’Università di Firenze, sono state ricostruite le carriere individuali dei 487 diplomati. Scattando una fotografia al 30 giugno 2013, si scopre che a due anni dal conseguimento del diploma è occupato stabilmente il 37% dei diplomati non iscritti all’università (117 su 319 ragazzi, di cui 21 con contratto a tempo indeterminato e 96 in apprendistato) e che dal diploma al lavoro stabile passano mediamente circa 10 mesi. Il 64% lavora nella provincia di Prato, ma solo il 35% nel comparto manifatturiero (comprendendo anche le costruzioni). La percentuale più elevata di diplomati disponibili al lavoro avviati con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato è raggiunta da Dagomari (63%), poi Buzzi (60%) e Marconi (59%).

IL LAVORO – Ai giovani occupati stabilmente, si aggiunge una quota che (non tutti insieme e non sempre gli stessi) comunque più o meno occasionalmente lavora. Su 487 diplomati, 254 ragazzi (pari al 52%) hanno avuto infatti almeno un avviamento di lavoro nei 24 mesi. Di questi, 46 sono iscritti all’università di Firenze e quindi studiano e lavorano (nella maggioranza dei casi per meno di 3 mesi l’anno). Quindi i 254 hanno registrato 541 avviamenti (oltre due contratti a testa), lavorando in media 177 giorni l’anno.

LE CRITICITA’ – Nel panorama dell’occupazione non mancano gli elementi di criticità. Sul totale degli avviamenti ben il 71% è con contratto a termine (a tempo determinato, interinale, intermittente, a progetto) e in settori non manifatturieri (commercio 35%, terziario e servizi 18%, alberghi e ristoranti 13%) Il 47% degli avviamenti avviene fuori provincia, prevalentemente tra Calenzano, Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino. Vi è inoltre un elevato ricorso al tempo parziale (37%).

L`UNIVERSITA` – Il tasso di passaggio dagli istituti tecnici e professionali all’Università è pari al 40% (considerando anche i ragazzi iscritti non a Firenze, che da solo attrae circa il 90% dei pratesi), con una differenza sostanziale tra diplomati tecnici (50%) e professionali (23%). Tra i liceali arrivano all’Università oltre l`85%, quindi quasi il 65% dei diplomati pratesi prosegue gli studi dopo il diploma. A parte i licei, gli istituti con il più elevato tasso di iscrizione all’Università sono Buzzi e Gramsci. Le facoltà preferite dai diplomati tecnici e professionali sono nell’ordine Economia, Ingegneria e Scienze matematiche, fisiche e natuali.

GLI STRANIERI – Fra i diplomati tecnici e professionali gli stranieri sono 41 (pari all’8%, mentre gli stranieri iscritti in prima nel 2006/07 erano il 18%). Di questi 20 si sono iscritti all’Università. Contando anche i liceali i diplomati stranieri sono stati 74, di cui 40 iscritti all’Università.

NEET E DISOCCUPATI – Guardando sempre ai 487 ragazzi del campione (e considerando il 7% impegnato in tirocini o formazione, una quota stimata di lavoratori autonomi e una che sceglie di lavorare o studia all’estero) a due anni dal diploma tecnico e professionale circa il 25% dei giovani alimenta le statistiche su Neet (giovani che non studiano e non lavorano) e disoccupazione giovanile. Gli ultimi dati a livello regionale sono sotto alla media nazionale ma comunque allarmanti. Nella fascia 20-24 anni in Toscana è disoccupatoil 27% contro il 31,7% a livello nazionale.

12/02/2014 14.59
Provincia di Prato

Fonte: Provincia di Prato
Autore: MP
Ancora in crescita gli studenti, alle superiori altri mille nei prossimi cinque anni. L`abbandono scende al 17,8%
SAVE THE DATE - Giovedì 14 aprile 2016, ore 10 - Presentazione "La scuola pratese. Rapporto 2015"
Iscrizioni scuole superiori, ancora in lieve crescita gli studenti delle prime
Giorno della memoria, 600 fra studenti e insegnanti delle scuole superiori pratesi al Mandela Forum il 27 gennaio
Sito ottimizzato con risoluzione 1024 x 768 pixel - Internet Explorer 5.5™ o superiore.
OSP - Osservatorio Scolastico Provinciale di Prato - Palazzo Vestri - Piazza Duomo, 8 - 59100 PRATO
Tel: 0574.534749 Fax:0574.534281
  top